Reviews

01/01/2020

Euro News - Michele Marco Rossi

"Usa e abusa dello strumento come un maestro consolidato e come un genio, canta e recita e impressiona."

(vedi link per recensione completa)

01/01/2020

De Culpa Sonoris - OperaClick - recensione

Recensione dal concerto del 14.07.19, Mittelfest, Cividale del Friuli

(vedi link per recensione completa)

14/07/2017

Premiere - Petrassi: Adagio e Minuetto variato for Cello and Orchestra. Il Giornale della Musica

Il giovane violoncellista Michele Marco Rossi si conferma un eccellente virtuoso, particolarmente attento alla musica moderna.

(vedi link per recensione completa)

02/10/2017

Cello Solo - Biennale di Venezia. Il Giornale della Musica - Stefano Nardelli

Apre la rassegna nella Sala delle Colonne di Ca' Giustinian la versatilità del ventottenne Michele Marco Rossi con un programma pirotecnico fatto apposta per esaltare le straordinarie qualità di strumentista e performer del violoncellista romano.

(vedi link per recensione completa)

09/02/2017

Cello Solo - Accademia Filarmonica Romana. Dino Villatico

E poi c'è ancora chi dice che la musica d'oggi non guarda al passato! Michele Marco Rossi di questa lunga tradizione si mostra erede consapevole, la padronanza dello strumento, la duttilità e varietà dell'interpretazione, che varca spesso i limiti dell'esecuzione, per farsi vero e proprio teatro disegnano la figura di un musicista consapevole dell'interconnessione delle arti rappresentative.

(vedi link per recensione completa)

 

26/08/2014

"Il giornale dell'Umbria"

Nello spazio centrale dei lobi delle cappelle che si aprono a petalo il violoncellista romano Michele Marco Rossi ha sfoderato le sue indiscutibili competenze strumentali in un appassionante "assolo" che spazia dal '500 veneziano, al Novecento storico, all'attualità. E visto che si festeggia il novantesimo genetliaco di Klaus Huber, il padre nobile del festival, ecco un pezzo d'annata, "Rauhe Pinselspitze" del 1992, una pagina ardua , una trama sonora che allude a uno strumento coreano, temperata dalla sorprendente maestria dell'entusiasta esecutore. Una novità assoluta è stata Cromophobia della compositrice greca Sofia Avramidou, mentre appartengono già alla storia Lame di Donatoni, il Capriccio di Penderecki e la straordinaria Serenata di Hanz Werner Henze.
Il coraggio argonautico di Rossi è stato premiato dal finale, con Lamentatio di Giovanni Sollima e con la Sonata op. 134 di Prokofiev.

22/08/2014

Quadrimestrale Edizioni Suvini Zerboni, Gabriele Cosmi

Figure, dinamismi, dialoghi

22/08/2014

Klaus Huber

“A Michele Marco Rossi, che ha suonato la musica di K.H. con tutta la sua intensità profonda! Grazie Tantissime!!”. 

 

"To Michele Marco Rossi, who played the music of KH with all his profound intensity! Many thanks!!"

28/07/2014

Ivan Fedele

26/06/2014

Giovanni Sollima

08/04/2014

Krzysztof Penderecki

“A Michele, grazie per la splendida interpretazione” 

 

"To Michele, thank you for your splendid interpretation"

Please reload

© 2015 - Michele Marco Rossi - Violoncellista