Biografia (it)

"Usa e abusa dello strumento come un Maestro consolidato e come un genio, canta e recita e impressiona" Euronews

Classe 1989, Michele Marco Rossi ha già alle spalle più di cento prime esecuzioni assolute e nazionali di nuova musica.

Con un vasto repertorio di ruoli da solista, in ensemble e in formazioni cameristiche, ha preso parte alla realizzazione di nuovi lavori scritti da compositori di tutto il mondo e di diverse generazioni, dalle più grandi firme internazionali ai giovani emergenti, contribuendo all’ampliamento del repertorio musicale dei nostri giorni non solo in termini numerici ma anche dal punto di vista delle possibilità creative.

 

Con il successo del debutto da solista al 61° Festival della Biennale di Venezia (“un programma pirotecnico fatto apposta per esaltare le straordinarie qualità di strumentista e performer del violoncellista romano”, Il Giornale della Musica, “M.M.R. ha dimostrato con un programma sapientemente disegnato come il violoncello e i violoncellisti abbiano conquistato nuovi territori…un magnifico temperamento” Neue Zürcher Zeitung), Michele Marco Rossi porta sulla scena una forte e nuova dimensione teatrale unita alle caratteristiche strumentali: musica vocale, un inedito repertorio di teatro strumentale, trascrizioni, rielaborazioni performative, sono solo alcuni degli aspetti che caratterizzano il suo repertorio da concerto, che copre più di 500 anni di musica e che è in continua espansione.

Per lui hanno scritto infatti nuova musica per violoncello alcune delle firme italiane più importanti tra cui Ivan Fedele, Fabio Vacchi, Alessandro Solbiati, Filippo Perocco, Lucia Ronchetti, Valerio Sannicandro, Fabio Cifariello Ciardi, Pasquale Corrado, Maurilio Cacciatore, all’interno di una tournée di recital da solista in continua evoluzione per luoghi, caratteristiche e programmi: Istituto di Cultura di Parigi, Istituto di Cultura di Madrid, Biennale di Venezia, Bologna Modern, Accademia Filarmonica Romana, Associazione Barattelli (L'Aquila), Mittelfest (Cividale del Friuli), Tempo Reale (Firenze), Festival di Musica Contemporanea Italiana (Forlì), Filarmonica Laudamo Messina, Società dei Concerti di La Spezia, Associazione Riccitelli (Teramo), Amici della Musica di Modena, Amici della Musica di Trapani, Musica Insieme Panicale, Curva Minore (Palermo), Festival Piatti (Bergamo), Associazione Filarmonica Umbra, Magdeburg (Germania), Choele Choel (Argentina).

Nel 2019 debutta “De Culpa Sonoris”, un nuovo progetto di teatro strumentale su Shakespeare commissionato da Mittelfest, e nato dal sodalizio artistico con Paolo Aralla. In questo lavoro il ruolo attoriale e compositivo di M.M.Rossi si definisce in una esperienza ancora più netta, e che la critica accoglie come “geniale” (Euronews), “un gesto scenico [di] una colpa che graffia, recide e colpisce, protagonista unica di un efficace minimalismo scenico fatto del corpo dell’esecutore. Un teatro che assomiglia perfettamente al suo autore e dove il suono è sempre affetto” (Operaclick).

Solo pochi mesi dopo, M.M.Rossi ritorna in Biennale di Venezia, questa volta come solista con l'orchestra, per la prima esecuzione assoluta di "Dove non si tocca in mare" di P. Corrado con I Solisti Aquilani ("Particolarmente compiuto, il concerto per violoncello di Corrado è stato fortunato ad avere il solista M.M.R., reinventore dell'opera attraverso una lettura impegnativa ed esposta" ABC Cultura, "L'eclettico M.M.R. affronta la prova impegnativa con la massima sicurezza" Il Ponte).

Particolarmente intensa è la sua collaborazione con Ivan Fedele, di cui Rossi esegue in prima assoluta a Parigi le nuove composizioni per violoncello solo (Suite Francese VI e Partita) e in prima italiana Dioscuri (il doppio concerto per due violoncelli e orchestra) e i lavori solistici Threnos e Hommagesquisse.

Nel 2018 Michele Marco Rossi debutta da solista a Darmstadt, invitato a suonare all'interno degli storici Internationale Ferienkurse für Neue Musik, ed esce per Kairos un disco monografico su Lucia Ronchetti, con la sua partecipazione da solista accanto a quella dell'Ensemble Intercontemporain.

Da solista e insieme ad altri artisti o in ensemble, collabora e partecipa anche alle prime esecuzioni di musiche di compositori da tutto il mondo: Salvatore Sciarrino, Helmut Lachenmann, Krzysztof Penderecki, Klaus Huber, Enno Poppe, Arturo Fuentes, Unsuk Chin, Noriko Baba, Hannes Kerschbaumer, Rune Glerup,

Pasquale Corrado, Jay Schwartz, Maurilio Cacciatore, Kenji Sakai, Alessandro Sbordoni, Eduard Demetz, José Manuel Serrano, Gabriele Cosmi, Mauro Cardi, Francesco Antonioni, Lorenzo Troiani, Paolo Aralla, Lucio Gregoretti, Alessandro Manzoli, Riccardo Panfili.

 

Nel 2017 esegue la prima esecuzione assoluta di “Adagio e Minuetto variati” per violoncello e orchestra di G. Petrassi, con l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da M. Angius (“il giovane violoncellista romano si conferma un eccellente virtuoso, particolarmente attento alla musica moderna”, Il Giornale della Musica).

 

Insieme a solisti, gruppi e direttori tra cui Giovanni Sollima, Francesco Dillon, Daniele Roccato, Ensemble Modern, Ensemble Prometeo, PMCE, FontanaMix, Accroche Note, Flame Ensemble, Ensemble Chromoson, GAMO ensemble, ContempoArt Ensemble, Marco Angius, Michele Marco Rossi si esibisce in stagioni e sale come Biennale di Venezia, Witten Newcomer Konzert, Auditorium Parco della Musica di Roma, Cité de la Musique et de la Danse Strasbourg, Transart (Bolzano), Wiesbaden Kurhaus, I Concerti del Quirinale su Radio 3, Festival Pontino, Festival dei Due Mondi di Spoleto, London Ear Festival.

Michele Marco Rossi si diploma al Conservatorio di Perugia con il massimo dei voti e la lode, segue corsi di musicisti come F. Dillon, D. Roccato, G. Pichler (Alban Berg Quartet), Quartetto di Cremona, Trio di Parma. Approfondisce il repertorio barocco con Gaetano Nasillo, Kristin von der Goltz e Marco Ceccato, il repertorio contemporaneo con Ensemble Modern come vincitore della borsa di studio per la International Ensemble Modern Academy a Francoforte e con Lucas Fels (Arditti Quartet), quindi si diploma nuovamente con il massimo dei voti e la lode ai Corsi di Alto Perfezionamento di Santa Cecilia sotto la guida di G. Sollima, e nel 2017 vince il posto per il Postgraduate presso l’Universitat Art Mozarteum di Salisburgo con E. Bronzi.

 

Dedito alla sperimentazione e alla ricerca continua su nuovi repertori, tecniche e possibilità artistiche e strumentali, porta avanti anche progetti di musica antica su strumenti originali, spettacoli di teatro d’avanguardia, collaborazioni da coautore, realizzando ogni anno nuovi programmi e proposte poliedriche.

Biography (eng)

"He uses and abuses the instrument like a fully-fledged maestro and a genius, he sings and acts, shocks and impresses." Euronews

Born in 1989, Michele Marco Rossi already has more than 100 first performances and Italian premieres of new music to his credit.

With a vast repertoire of soloist roles with ensembles and chamber music groups, he has performed new works by composers from all over the world and of different generations, from major international figures to young emerging composers, and contributed to extending the contemporary music repertoire, not just quantitatively but also in terms of exploring creative possibilities.

 

With the success of his solo debut at the 61st International Festival of Contemporary Music, Venice Biennale ("a pyrotechnical programme designed to exalt the Roman cellist's extraordinary qualities as an instrumentalist and a performer", Il Giornale della Musica; "MMR has demonstrated with a cleverly designed program that the cello and cellists have conquered new territories. A magnificent temperament", Neue Zürcher Zeitung), Michele Marco Rossi has brought to the stage an instrumental performance with a powerful new theatrical dimension: vocal music, an original repertoire of instrumental theatre, transcriptions and performative reworkings are just a few of the elements of his concert repertoire, which spans more than 500 years of music and is constantly being extended.

 

Some of Italy's most important composers have written new music for cello specifically for him, including Ivan Fedele, Fabio vacchi, Alessandro Solbiati, Filippo Perocco, Lucia Ronchetti, Valerio Sannicandro, Fabio Cifariello Ciardi and Pasquale Corrado, which forms part of a solo recital tour that is constantly evolving in terms of places, features and programmes: Paris Institute of Culture, Madrid Institute of Culture, Venice Biennale, Bologna Modern, Accademia Filarmonica Romana, Associazione Barattelli (L'Aquila), Mittelfest (Cividale del Friuli), Tempo Reale (Florence), Festival of Contemporary Italian Music (Forlì), Filarmonica Laudamo Messina, La Spezia Society of Concerts, Association Riccitelli (Teramo), Amici della Musica di Modena, Amici della Musica di Trapani, Musica Insieme Panicale, Curva Minore (Palermo), Festival Piatti (Bergamo), Associazione Filarmonica Umbra, Magdeburg (Germany), Choele Choel (Argentina).

 

In 2018, Michele Marco Rossi made his debut as soloist in Darmstadt, where he was invited to play at the historic Internationale Ferienkurse für Neue Musik, and Kairos released an album of Lucia Ronchetti's action music pieces featuring him doing a cello solo performance.

In 2019, he gave the first performance of "De Culpa Sonoris", a new instrumental theatre project about Shakespeare, commissioned by Mittelfest and born of his artistic partnership with Paolo Aralla. In this work, M.M. Rossi's role as actor and composer is ever more clearly defined and was described by critics as "brilliant" (Euronews): "the performative gesture [of] a guilt that scratches, severs and strikes, sole protagonist of an effective theatrical minimalism made of the body of the performer. A theatre that perfectly resembles its author, where sound is always affect. "(Operaclick).

Only a few months later, M.M.Rossi returned to the Venice Biennale, this time as a soloist with the I Solisti Aquilani orchestra, for the first performance of Pasquale Corrado's "Dove non si tocca in mare" ("Particularly accomplished, Corrado's cello concerto was fortunate to have as its soloist M.M.R., who reinvented the work with a challenging and exposed reading", ABC Cultura).

As a soloist and with other artists or in ensemble, he has collaborated and taken part in first performances of music by composers from all over the world: Salvatore Sciarrino, Helmut Lachenmann, Krzysztof Penderecki, Klaus Huber, Enno Poppe, Arturo Fuentes, Unsuk Chin, Noriko Baba , Hannes Kerschbaumer, Rune Glerup, Pasquale Corrado, Jay Schwartz, Maurilio Cacciatore, Kenji Sakai, Alessandro Sbordoni, Eduard Demetz, José Manuel Serrano, Gabriele Cosmi, Mauro Cardi, Francesco Antonioni, Lorenzo Troiani, Paolo Aralla, Lucio Gregoretti, Alessandro Manzoli, Riccardo Panfili.

 

In 2017, he gave the first performance of "Adagio e Minuetto variati" for cello and orchestra by Goffredo Petrassi ("the young Roman cellist confirms that he is an excellent virtuoso, particularly attentive to modern music", Il Giornale della Musica), with the Orchestra of Padua and Veneto directed by Marco Angius, and the first Italian performance of "Dioscuri" for two cellos and orchestra by Ivan Fedele, as first cello solosist with the Orchestra Sinfonica Abbruzzese.

 

Together with soloists, groups and conductors, including Giovanni Sollima, Francesco Dillon, Daniele Roccato, Ensemble Modern, Ensemble Prometeo, PMCE, FontanaMix, Accroche Note, Flame Ensemble, Ensemble Chromoson, ContempoArt Ensemble and Marco Angius, Michele Marco Rossi has performed during seasons and in concert halls including the Venice Biennale, Witten Newcomer Konzert, Auditorium Parco della Musica in Rome, Cité de la Musique et de la Danse in Strasburg, Transart (Bolzano), Wiesbaden Kurhaus, the Concerts du Quirinale on Italian Radio 3, Pontino Festival, Festival dei Due Mondi di Spoleto, and the London Ear Festival.

 

 

Michele Marco Rossi graduated from the Perugia Conservatory with the highest honours, then attended masterclasses taught by musicians such as Francesco Dillon, Daniele Roccato, Gunther Pichler (Alban Berg Quartet), the Quartetto di Cremona and the Trio di Parma. He deepened his knowledge of the Baroque repertoire with Gaetano Nasillo, Kristin von der Goltz and Marco Ceccato, of the contemporary repertoire with Ensemble Modern as the winner of a scholarship to the International Ensemble Modern Academy (IEMA) in Frankfurt and with Lucas Fels (Arditti Quartet), then he graduated, again with the highest honours, from the postgraduate course at Santa Cecilia under the guidance of Giovanni Sollima. In 2017, he was awarded a postgraduate position at the Universitat Art Mozarteum in Salzburg to study with Enrico Bronzi.

 

Dedicated to experimentation and to constantly researching new repertoires, techniques and artistic and instrumental possibilities, he is also involved in ancient music projects using original instruments, avant-garde theatre performances and co-author collaborations. He creates new programmes and multifaceted performances every year.

© 2015 - Michele Marco Rossi - Violoncellista